RADIOLOGIA DI EMERGENZA: TROPPE DISPARITA’ REGIONALI

Dall’ International Day of Radiology di Milano l’appello alla politica per la radiologia di emergenza. Un’ eccellenza italiana con troppe disparità regionali

Celebrata ieri da più di 150 società scientifiche in tutto il mondo la Giornata di Radiologia, con focus  sulla radiologia di emergenza. Dall’incontro organizzato dalla SIRM (la Società Scientifica che da voce a oltre 10.000 medici radiologi iscritti) presso l’Università Statale di Milano, emerge  la richiesta alla politica di un piano omogeneo per dotare tutti i presidi di secondo livello (quindi anche piccoli pronto soccorso) di apparecchi professionali in grado di intervenire tempestivamente.

Le dichiarazioni

Professor Carmelo Privitera  – Presidente Società Italiana Radiologia Medica e Interventistica

“Sono molto felice che quest’anno sia stato scelto un argomento che incide così tanto sulla vita dei nostri concittadini come la radiologia di emergenza.  40 anni fa la radiologia era una disciplina di aiuto che permetteva di convalidare una diagnosi già posta. Oggi non è più così con 110 mln di indagini effettuate annualmente in Italia, il Radiologo è chiamato in prima persona a fare una diagnosi in tempi brevi e contribuire a salvare vite.

Il team dei radiologi di emergenza assicura competenze sinergiche per coprire a 360 gradi  le esigenze diagnostiche nei Pronto Soccorso. Interviene nei tempi più brevi possibili con le indagini radiologiche più appropriate, contenendo al massimo le dosi di radiazioni erogate al paziente. Il radiologo clinico attraverso l’appropriatezza delle indagini ottimizza il percorso diagnostico, completandolo con quello terapeutico interventistico, fondamentale per una più favorevole prognosi del paziente

Dobbiamo organizzarci bene sul territorio.  I radiologi ci sono, ma l’organizzazione dei dipartimenti non è sempre calzante con le emergenze del cittadino.  E’ vero che c’è una propensione alle indagine non necessarie, ma deve esserci comunque il presidio necessario a tutelare il cittadino.

Da qui un messaggio per chi ci amministra:  organizzarci meglio, con strutture più valide e professionalità che coprano tutte le esigenze.  Tutto ciò oggi esiste solo a macchia di leopardo nel nostro paese con ancore troppe disparità tra le regioni.  Eppure i tempi di afferenza al Pronto Soccorso sono fondamentali per i buoni risultati e per salvare vite”.

 

Professor Roberto Grassi – Presidente eletto Società Italiana Radiologia Medica e Interventistica

“La Sirm ha fatto sua una campagna per la locazione dei presidi di secondo livello sul territorio.  Dobbiamo evitare il passaggio da un presidio ad un altro più attrezzato.  Un passaggio che spesso prende più di un’ora, rendendo non trattabili le emergenze più gravi per cervello, cuore, addome. Il numero dei radiologi non è ancora congruo se questo piano dovesse partire oggi.  La Sirm spinge sulla formazione dei radiologi, ma è indispensabile un interlocutore politico che stabilisca il numero e individui i presidi di intervento”.  

 

Prof Vincenzo Di Candido – Past President Gruppo Regionale Lombardia Sirm

“La Regione Lombardia è un modello che funziona in questo campo. Abbiamo avuto un risparmio di 6mln di Euro, anche se la situazione rimane complessa, le risorse sono limitate non si assumono più radiologi.  Un grosso merito va dato al sindacato Nazionale Radiologi per l’impegno dimostrato”.

 

Lo scenario italiano

 

Soprattutto per le fasce più deboli della popolazione il ricorso al Pronto Soccorso rappresenta spesso l’unico modo per accedere alle cure in modo rapido, discretamente efficiente e pressoché gratuito. I numeri del fenomeno sono cosa nota: se consideriamo che negli ultimi anni si sono registrati circa 3.4 accessi  al Pronto Soccorso ogni 10 abitanti, per un totale di 24.000.000 di accessi adulti in media all’anno e  1.609.287 accessi ai Pronto Soccorso pediatrici (Stime FIMEUC 2016-18), possiamo dire che  in linea di massima 1/3 della popolazione accede ogni anno in Pronto Soccorso. Le prestazioni radiologiche sono circa il 110% degli accessi, ovvero in media ogni paziente che accede al PS esegue 1,1 prestazioni di diagnostica per immagini. I dati evidenziano un aumento progressivo delle prestazioni (+31%). Impressionante l’aumento della Tomografia Computerizzata: + 107% negli ultimi 7 anni. Ma anche si registra un + 378% nei Pronto Soccorso pediatrici per quanto riguarda l’ecografia, preferita rispetto alla TAC per evitare la radioesposizione dei piccoli pazienti.

 

Le emergenze costituiscono una parte sostanziale dei casi radiologici che richiedono un management efficace con diagnosi e decisioni corrette in modo tempestivo.

 

Attualmente, nei Paesi industrializzati, il trauma rappresenta la terza causa di morte dopo le malattie cardio-vascolari e le neoplasie, collocandosi al primo posto nei soggetti di età compresa tra 25 e 44 anni. Il trauma è di gran lunga la prima causa di morte anche nell’età pediatrica. Anche il trauma cosidetto “minore” è un fattore imponente di ricorso alle cure di Pronto Soccorso, incidendo per circa un terzo degli accessi al PS sul territorio nazionale. La gestione del paziente traumatizzato da parte del sistema di Emergenza Sanitaria in PS ha fatto passi da gigante, tuttavia, ancor oggi c’è una percentuale importante di pazienti che, per ritardo  o inappropriatezza delle cure, possono avere conseguenze fatali per traumi potenzialmente non mortali: si tratta delle cosiddette “morti evitabili”.

 

Dal numero crescente di incidenti stradali, dagli accessi ai pronto soccorsi e dai costi sociali che ne derivano, ecco sorgere una “nuova” cultura dell’emergenza che si basa essenzialmente sulla necessità di ridurre i tempi d’intervento ed ottimizzare le risorse umane e tecnologiche. Il termine “golden hour”, coniato da R. Adams Cowley, chirurgo dell’Università del Maryland a Baltimora, sta a significare proprio che la tempestività, l’adeguatezza e la sinergia degli interventi sono determinanti per la sopravvivenza del politraumatizzato. Infatti, si dimostra che la curva della mortalità del politraumatizzato si appiattisce fin oltre del 50% solo se si riducono i tempi di intervento, si effettuano cure di primo soccorso sul luogo dell’incidente e durante il trasporto e si eseguono le cure definitive in un ospedale adeguatamente attrezzato, meglio se in un “trauma center”.

 

In Italia la radiologia d’emergenza occupa oggi un ruolo importante nella piastra del DEA. La radiologia d’Urgenza non svolge più solo la funzione di diagnosi delle condizioni cliniche, ma di fatto funziona da vero e proprio filtro dell’ospedale, consentendo di discriminare i pazienti che realmente necessitano di ricovero e di gestire i percorsi di ricovero con la maggior appropriatezza possibile, ottimizzando i costi e l’uso delle risorse.

Ma se questa è la nuova premessa culturale al concetto di emergenza, Il processo di qualificazione dell’emergenza è da ricercarsi nello studio delle esigenze della popolazione, nella professionalità degli operatori e nelle scelte meritocratiche. Tutto questo deve essere fortemente condiviso e perseguito dai vertici politici ed aziendali il cui obiettivo deve essere il coordinamento e la verifica delle azioni e delle risorse umane applicate al sistema. Punto nodale è un percorso trasparente che vada decisamente nel senso del merito per tutti gli operatori del settore che dimostrino di essere all’altezza del compito.

 

La Giornata Internazionale di Radiologia è un’iniziativa congiunta della Società Europea di Radiologia (ESR), della Radiological Society del Nord America (RSNA) e dell’American College of Radiology (ACR). E’un evento annuale con lo scopo di sviluppare una maggiore consapevolezza del valore con il quale la radiologia contribuisce alla cura del paziente e il ruolo vitale che i radiologi svolgono nel continuum sanitario, celebrato l’8 novembre, nel giorno in cui Wilhelm Conrad Röntgen ha scoperto l’esistenza di raggi x nel 1895.

www.internationaldayofradiology.com